Fotovoltaico: cos’è e come funziona un impianto del genere.

Questa è una guida al fotovoltaico che ti illustra tutto quello che c’è da sapere in merito.

L’effetto fotovoltaico.

L’effetto fotovoltaico è un principio naturale che si ha nel moneto in cui la radiazione del sole attraversa un materiale semiconduttore. Gli impianti fotovoltaici utilizzano il silicio cristallino come materiale semiconduttore per ottenere questo effetto. Il silicio è un elemento presente in elevate quantità in natura che si è rivelato come un ottimo semiconduttore. In base alla struttura cristallina, il silicio si distingue in monocristallino o policristallino. Nel caso in cui la struttura non fosse presente, si dice silicio amorfo. Il silicio viene utilizzato per costruire la cella solare. I fotoni della radiazione solare hanno una carica nulla e, attraversando la cella fotovoltaica, spezzano i legami degli elettroni presenti nel silicio, che lasciano libere delle posizioni, dette lacune, che agiscono come se fossero delle cariche positive. Dopo che la radiazione solare colpisce la cella, questa presenta una parte con gli elettroni che hanno carica negativa, mentre un’altra parte, dove ci sono le lacune, ha carica positiva. Questa situazione produce un campo elettrico interno alla struttura che fa muovere i due elementi in modo opposto, generando così una tensione. Il alto esposto al sole e quello non esposti sono collegati con dei fili a un carico in modo da produrre della corrente elettrica. Tramite il  drogaggio all’interno della cella fotovoltaica la radiazione solare è convertita in energia elettrica.

L’impianto fotovoltaico.

L’impianto fotovoltaico è il sistema che sfrutta queste radiazioni solari al fine di generare corrente elettrica continua. Utilizzando un inverter, la corrente continua viene trasformata in corrente alternata che si usa per alimentare tutti gli apparecchi elettrici casalinghi, ovvero qualsiasi cosa sia attaccata alle prese di corrente.  L’impianto fotovoltaico è costituito da un insieme di piccole celle fotovoltaiche in silicio. Le celle hanno delle piccole strisce argentate sulla superficie  che altro non sono che dei contatti chimici per connettere più celle tra di loro per formare un modulo fotovoltaico.

Per trovare la guida al fotovoltaico: www.fotovoltaicosulweb.it .